Calorie della pasta

Quante calorie contiene un piatto di pasta? C'è differenza tra pasta fresca, all'uovo o integrale? Scopriamolo insieme.

La pasta è uno degli alimenti più importanti della dieta mediterranea e della nostra alimentazione, fondamentale nel fabbisogno calorico della giornata.

Fa parte del gruppo dei carboidrati complessi ed è costituita in 100 grammi di prodotto da:

  • 79 grammi di carboidrati
  • 11 grammi di proteine
  • 1,4 grammi di grassi
  • 2,7 grammi di fibra
  • 4,2 grammi di zuccheri semplici

Totale delle calorie: 353 kcal.

Pasta integrale: più vitamine e minerali

A differenza della pasta di semola, la pasta prodotta da farine integrali, da preferire per l’alto contenuto di fibra (più di 8 grammi per 100 grammi di prodotto), contiene:

  • 75 grammi di carboidrati complessi
  • 15 grammi di proteine
  • 1,4 grammi di grassi
  • ricca di sali minerali e vitamine

Totale delle calorie: 348 kcal.

La fibra aumenta il senso di sazietà (ci fa sentire meno fame), interferisce con l’assorbimento di zuccheri e grassi e aiuta il transito intestinale, soprattutto in presenza di stipsi.

Per queste ragioni la pasta integrale è consigliata anche alle persone diabetiche le cui diete dovrebbero apportare un minimo di 30 grammi di fibra giornaliera, sotto forma di verdura, legumi, cereali integrali e, moderatamente, di frutta.

La fibra presente nella pasta integrale è quella insolubile che non si scioglie in acqua ma è in grado di assorbirne molta e agisce prevalentemente sul funzionamento del tratto gastrointestinale.

Pasta fresca e pasta all’uovo: quante calorie contengono?

La pasta fresca è un alimento che viene prodotto impastando farina di grano tenero o semola di grano duro e acqua, l’impasto ottenuto viene poi lavorato in forme diverse (tagliatelle, sfoglie, etc.).

Poiché questa pasta non viene fatta essiccare contiene una percentuale di acqua molto alta e per questo viene chiamata “pasta fresca”.

Con questa denominazione è compresa anche la pasta all’uovo (realizzata impastando uova con farina di grano tenero, semola di grano duro o con una miscela di entrambe).

Utilizzando farine o semole integrali si può realizzare pasta fresca integrale.

In 100 grammi di pasta fresca sono contenuti:

  • 65 grammi di carboidrati complessi
  • 12 grammi di proteine
  • 1 grammo di grassi

Totale delle calorie: 340 kcal.

In quella all’uovo, invece:

  • 78 grammi di carboidrati
  • 2,4 grammi di grassi
  • 13 grammi di proteine
  • 3 grammi di fibra

Totale delle calorie: 366 kcal.

La pasta contiene colesterolo?

Il contenuto di colesterolo nella pasta, tranne in quella all’uovo, è nullo, quindi può essere consumata anche da persone che soffrono di problemi cardiovascolari.

Nel regno vegetale, il colesterolo è sostituito dai fitosteroli, molecole di simile struttura, che come effetto hanno quello di diminuire i livelli plasmatici di colesterolo.

Tutti i nostri pasti dovrebbero essere formati da una parte di carboidrati, una di proteine, una o più di fibra e una di grassi.

La pasta fa parte dei “carboidrati” e, se consumata in dose equilibrate e con condimenti adeguati, è un validissimo strumento, insieme al movimento, per perdere il peso in eccesso.

Occhio a quantità e condimenti

La pasta è il primo alimento che viene demonizzato nelle diete, ma in realtà non è la pasta in sé per sé a essere dannosa per la nostra linea e la nostra salute.

Innanzitutto, la quantità, ad esempio piatti da 150 grammi hanno un impatto calorico troppo elevato per una persona che ha uno stile di vita sedentario e non ha bisogno di calorie extra.

Il secondo punto da tenere ancora più in considerazione è il condimento: soffritti, panna, burro, affettati, formaggi e ragù di carne fanno della pasta un piatto ipercalorico, sconsigliato a persone con patologie cardiovascolari, diabete o per persone che hanno bisogno di perdere peso.

I condimenti dovrebbero essere il più leggeri possibile, come un semplice pomodoro o qualsiasi verdura (considerate che le verdure hanno pochissime calorie e contengono solo fibra e acqua), in modo da non renderci appesantiti e assonnati sul luogo di lavoro a causa della digestione troppo lunga e laboriosa cui costringiamo il nostro organismo.

Molti dei nostri condimenti preferiti, come per esempio la “carbonara” e “panna e prosciutto” possono diventare più leggeri, semplicemente sostituendo o eliminando un ingrediente.

Ad esempio, sostituendo il guanciale, con una verdura come le zucchine, possiamo lasciare il pecorino e il tuorlo e goderci un’ottima carbonara di zucchine.

Per quanto riguarda i grassi, invece, possiamo utilizzare una panna vegetale e sostituire il burro con l’olio extravergine d’oliva.

Leggi le altre news

scopri i nostri prodotti

IL PROGETTO VAI ALL’ORIGINE

TRACCIABILITÀ A
PORTATA DI MANO

SCOPRI COME FUNZIONA

Contattaci

Pasta Toscana

Questo sito utilizza tecnologie più recenti per garantirti un'esperienza di utilizzo semplice e funzionale.
Per visualizzarlo scarica e installa un browser più recente, per esempio
Google Chrome, Mozilla Firefox o Microsoft Edge

© PASTIFICIO FABIANELLI
C.F. e P.IVA IT 00102310513 - Privacy Policy - Cookie Policy
site by: Della Nesta...

Link copiato, condividilo pure!