“Ho cominciato rubando la pasta a nonno Dario”

Scritto da:

Redazione Pasta Toscana

 

Luca Fabianelli intervistato da La Nazione

Luca Fabianelli oggi guida il pastificio di famiglia fondato ai primi del Novecento. «Sì c’è la guerra ma nelle difficoltà non ci si può piangere addosso»

Da bambino l’idea di fabbrica era una sola: correre a mangiare la pasta fresca, rubandola dal macchinario, di nascosto al nonno Dario.

A 42 anni Luca Fabianelli è «timoniere» dell’omonimo pastificio che ha superato i cento anni e da Castiglion Fiorentino «viaggia» in 70 Paesi del mondo: dalla Corea all’Australia, Emirati Arabi e States, dall’Europa alla Mongolia, fino agli atolli Turks e Caicos nell’oceano Atlantico. Quarta generazione di imprenditori, Luca è amministratore delegato e il cugino Andrea Fabianelli presidente dell’azienda costruita da Fabio Cristoforo Fabianelli che all’alba del Novecento intuì la necessità di portare nel nuovo secolo la tradizione dei maestri pastai castiglionesi con la svolta industriale.

Oggi cosa è il Pastificio?

«Un’azienda che in anni attraversati da tempeste economiche con numerosi pastifici italiani costretti a chiudere, si è ritagliata un proprio spazio. È un’azienda che cresce, con un fatturato di 16 milioni nel 2021, trentacinque dipendenti e lo sguardo nel futuro».

Ma nel presente c’è la guerra, come cambia la prospettiva?

«Da imprenditore ho sempre considerato le fasi di stallo o recessione come momenti complessi, talvolta demoralizzanti, ma al tempo stesso forieri di opportunità».

Clienti anche durante la crisi?

«Sì, abbiamo acquisito un altro cliente importante in America. Se nelle difficoltà ti piangi addosso sei finito. Se invece guardi al mondo con ottimismo, nonostante i pensieri che non ti fanno dormire la notte, vai avanti. Io guardo alle difficoltà come a una sfida».

L’azienda esporta l’80 per cento del prodotto nel mondo: come resiste tra rincari energetici e della logistica?

«In questa fase abbiamo deciso di vendere pasta solo a chi è disposto a riconoscere l’aumento dei costi di produzione, tra rincari della semola già a settembre scorso, energia, spedizioni e materiali per il confezionamento del prodotto. Rispetto al 2021 sono quasi raddoppiati».

Per il nuovo raccolto si prevedono impennate nei prezzi?

«Per ora è un’incognita. In generale, influirà la crisi ucraina perché quando manca l’approvvigionamento delle merci, c’è un effetto prezzi anche sul raccolto italiano e toscano. Impossibile ad oggi, fare previsioni ma le stime indicano un raccolto di qualità e quantità, sperando che il meteo non tradisca».

Con il brand «Pasta toscana» lavorate solo grano italiano e toscano «certificato» dal QR Code. Perché?

«Puntiamo su due elementi chiave che fanno la differenza e ci permettono di continuare a crescere anche in una fase complicata come l’attuale. Il primo è la qualità: grazie a un accordo con Coldiretti, acquistiamo grano coltivato solo da agricoltori italiani e toscani ai quali richiediamo criteri qualitativi rigorosi. Il secondo elemento è l’export applicato alla logistica, settore che abbiamo messo in piedi fin dagli anni ’80».

Leggi le altre news

scopri i nostri prodotti

IL PROGETTO VAI ALL’ORIGINE

TRACCIABILITÀ A
PORTATA DI MANO

SCOPRI COME FUNZIONA

Ora anche
ecosostenibile

CARTA INTERAMENTE RICICLABILE

SCOPRI

Contattaci

Pasta Toscana

Questo sito utilizza tecnologie più recenti per garantirti un'esperienza di utilizzo semplice e funzionale.
Per visualizzarlo scarica e installa un browser più recente, per esempio
Google Chrome, Mozilla Firefox o Microsoft Edge

© PASTIFICIO FABIANELLI
C.F. e P.IVA IT 00102310513 - Privacy Policy - Cookie Policy
Digital Agency Della Nesta

Link copiato, condividilo pure!